Resta in contatto

News

Lazio, ora i biancocelesti aspettano i gol di Milinkovic-Savic

Lazio, Sergej Milinkovic-Savic

La Lazio aspetta il ritorno al gol del centrocampista Milinkovic-Savic

Dopo un inizio di stagione non molto convincente, il centrocampista serbo della Lazio Sergej Milinkovic-Savic  ha deciso di riprendersi la Lazio e lo ha fatto a partire dal derby vinto per 3-0 contro la Roma.

Ora alle sue prestazioni da dominatore in mezzo al campo e da recupera palloni, manca solo il ritorno al gol: in questa stagione il serbo è andato a segno per sole 3 volte, molte meno rispetto a tutte le annate biancocelesti , tranne quella d’esordio con Pioli, che proprio domani ritroverà al Franchi di Firenze dove ha già segnato.

Milinkovic-Savic e il retroscena di mercato: poteva andare alla Fiorentina

Firenze che avrebbe potuto essere la sua casa, come ricorda Tare che nel 2015 contendeva il giocatore ai viola: “Durante il viaggio di Milinkovic a Firenze ero la persona più tranquilla del mondo. Ero certo che avrebbe deciso di venire alla Lazio nonostante stesse nella sede dei viola. Mi aveva chiamato la sera prima per dirmi che sarebbe andato a Firenze per rispetto del padre, ma che la scelta era fatta e che sarebbe venuto alla Lazio. Ci sono pochi giocatori che fanno cose del genere”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News