Resta in contatto

Approfondimenti

Derby, vincerlo per capirne l’importanza

Derby, Curva Nord a Lazio-Milan

Derby -2. Per la rubrica “Parola ai tifosi” ecco il pensiero di Camilla Carignani

Il Derby si sa è qualcosa di particolare, non è mai una partita come le altre. Non possiamo considerarlo una partita di campionato, nonostante quest’anno si tratti di uno scontro diretto in uno dei momenti più difficili della stagione. Il Derby è altro, è la prima parola che un tifoso pronuncia all’arrivo di un nuovo giocatore a Fiumicino, è la settimana più calda dell’anno vissuta sempre con quella tensione agonistica imprescindibile.

Il Derby fa sembrare tutto diverso: l’erba sembra più verde, il cielo più azzurro e quella palla in rete che anticipa il boato, sì è sicuramente uno dei momenti più belli e più brutti della vita di un tifoso, laziale o romanista.

Vincere un derby non porta solo tre punti, ma supremazia e fomento. Porta una luce diversa in ognuno di noi.

Le prime volte

Ecco perché vincere un derby è fondamentale per capirne l’importanza e molti dei nostri giocatori ancora non lo sanno.
Pensiamo a Leiva che ne ha vinti tanti al Liverpool ma che ancora non ha provato cosa vuol dire vincerlo nella Capitale. Stessa discorso per Acerbi e Correa, l’emozione della prima volta per loro ancora deve arrivare.

Lo sa bene Lulic cosa vuol dire fare qualcosa di importante in una partita del genere: dopo quel goal la sua vita è cambiata, la tifoseria non si stancherà mai di quel minuto 71 e Lulic rimarrà per sempre l’uomo che ha alzato la Coppa in faccia ai cugini romanisti quel 26 Maggio del 2013.

Ecco perché vincere il Derby è importante e forse è l’unica cosa che conta. Ma vincerlo per capirne l’importanza è qualcosa di più.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Approfondimenti