Resta in contatto

Parola ai tifosi

Lazio, è la settimana più importante: polemiche in pausa, dobbiamo tifare!

Lazio, Curva Nord

Lazio, per la rubrica “Parola ai tifosi”, pubblichiamo l’intervento del nostro lettore Alessandro Crescenzi.

Questa è la settimana più importante della stagione calcistica della Lazio. Dopo pochi giorni dall’eliminazione in terra spagnola, i biancocelesti hanno la possibilità di ritagliarsi un finale di stagione degno delle premesse (o dei proclami) di inizio stagione.

Inutile fare polemiche in questa settimana

In questa settimana è inutile fare polemica intorno alle lamentele della società sulle poche presenze allo stadio oppure intorno a una squadra apparsa poco combattiva e quasi rassegnata all’idea di abbandonare la competizione continentale. Non servirebbe a nulla!

Questa settimana ci dirà sicuramente se la Lazio potrà lottare ancora per vincere un trofeo (quella Coppa Italia sminuita da tutti, ma che evoca ricordi indelebili nelle nostre memorie) e per competere fino alla fine per un posto nella Champions League (con un derby da portare a casa dopo quasi due anni).

La nostra storia c’insegna che nulla è impossibile

Il tifoso biancoceleste non deve chiedersi se la società voglia o meno fare questo passo verso la crescita stabile e di lungo periodo della squadra in termini tecnici ed economici. Il tifoso stavolta deve essere vicino, deve crederci con quella sana pazzia che ci contraddistingue perché, come la nostra storia insegna, nulla è impossibile (come lo Scudetto sotto il diluvio, il gol di Fiorini…). La nostra storia è pazzia e voglia di non mollare un centimetro.

Quindi questa settimana, con o senza difensori centrali, con la difesa a 3 o 4, giocando anche in 8 contro 11, dobbiamo tirare fuori il meglio di noi calciatori e tifosi. Questa settimana pensiamo esclusivamente a sostenere questo gruppo, non facciamo discorsi sul futuro, sulla società, sul nuovo stadio… i prossimi mesi potremmo distrarci con queste chiacchiere, ora no! Dobbiamo tifare, farci sentire sempre più forte!

Ricordate Laziali che, per noi che abbiamo il cielo come bandiera, NIHIL EST QUOD FIERI NON POSSIT!
Forza Lazio Sempre!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Parola ai tifosi