Resta in contatto

News

Lazio, Inzaghi in conferenza: “Con il Siviglia voglio vedere il coraggio”

Lazio, il tecnico Simone Inzaghi

Il tecnico della Lazio ha presentato la sfida d’andata dei sedicesimi di Europa League.

Vuole vedere una Lazio senza paura, ma anche accorta. Simone Inzaghi sa che, per battere il Siviglia nell’andata dei sedicesimi di Europa League, ci vorrà una prestazione da 10 e lode. Ecco tutte le dichiarazioni che il tecnico biancoceleste ha rilasciato nella conferenza stampa della vigilia.

Lazio – Siviglia, Inzaghi ci crede: “Sulla carta loro favoriti, ma è una gara aperta”

– Come sta la squadra fisicamente?
Abbiamo avuto sei giorni per recuperare le energie, soprattutto quelle mentali. La settimana scorsa è stata molto dispendiosa, dopo l’Inter abbiamo affrontato due gare belle toste con Frosinone ed Empoli, dove siamo calati un po’ nel secondo tempo. Abbiamo vinto due gare importanti, siamo in semifinale di Coppa Italia, domani ci giocheremo un sedicesimo di finale col Siviglia.

– Immobile fuori?
È un giocatore molto generoso, vorrebbe esserci. Mancano due allenamenti, non si è allenato con la squadra e non vogliamo correre rischi. Sappiamo l’importanza della gara di domani, ma anche del fatto che abbiamo tante gare ravvicinate. È più no che sì.

– Milinkovic non stava bene prima di Empoli? Si poteva gestire in maniera diversa?
Probabilmente con Luis e Ciro avrei fatto altre scelte. Sergej ha un problema che gli farà saltare al massimo due partite, ma andrà valutato. Non correremo più rischi, abbiamo troppe gare importanti e mal distribuite come calendario.

– La Lazio è la peggior difesa della fase a gironi, mentre il Siviglia ha avuto il miglior attacco…
Noi però c’eravamo qualificati con due gare d’anticipo. Non mi vengono in mente altre squadre che hanno fatto lo stesso per due stagioni consecutive.

– Da qui al 2 marzo ci saranno tanti crocevia importanti: c’è pressione?
Io e la mia squadra siamo sereni e orgogliosi di quanto abbiamo fatto finora. Ci sono state difficoltà e sono arrivate critiche, alcune giuste e altre ingiuste. Ora ci attende un mese impegnativo, ma siamo orgoglioso di essere in corsa su tutti i fronti.

– Il Siviglia è l’avversario più duro della sua carriera internazionale? La Lazio eviterà altri black out come Salisburgo?
Della scorsa stagione ricordo piuttosto e con piacere la cavalcata dei miei ragazzi in Europa. Con lo Steaua sulla carta eravamo favoriti, stavolta magari no, ma la partita è aperta.

– Esiste una gerarchia tra le competizioni?
No, nessuna. Mi sono accorto che non puoi mettere in conto nulla. Ora in mente ho una formazione, ma tutto può ancora cambiare. Ragiono partita per partita. Cosa temi del Siviglia?

– Cosa teme del Siviglia?
È una squadra molto tecnica, costruita nel migliore dei modi. Hanno una rosa molto lunga, giocano anche loro col 3-5-2 e hanno giocatori molto tecnici di grande qualità.

– Percentuali o comunque loro favoriti? Rispetto al sorteggio, chance aumentate?
Dare percentuali è sempre difficile. Due mesi fa eravamo in un momento un po’ così, siamo stati costanti. E in campionato sia noi che loro siamo più o meno nella stessa posizione.

– Il modo migliore per metterli in difficoltà?
Dovremmo cercare di non prendere gol, si difendono sotto la linea della palla e ripartono velocemente.

– Come stanno Leiva, Lulic, Marusic e Parolo?
Li ho visti bene, così come Luis Alberto e Correa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News